Il bastione Maiano ancora oggetto di atti vandalici

Il bastione Maiano ancora oggetto di atti vandalici.

“Il valore del nostro patrimonio è enorme. È necessario partire da questa consapevolezza per attuare un cambiamento profondo nei cuori dei nostri cittadini – afferma il sindaco Vivarelli Colonna -.
Quello che sta succedendo al Bastione Maiano, restaurato dalla precedente Amministrazione con i soldi di tutti, è vergognoso: l’accanimento che i vandali dimostrano nei confronti di questo monumento della nostra città ha dell’incredibile.
Negli anni, innumerevoli sono stati gli episodi deprecabili.

Dal 2013, quando il monumento è stato riconsegnato alla città, il Comune ha speso una media di 4mila euro annui per intervenire nel risanare gli sfregi. Gli ultimi, proprio questa settimana: ammontano a 4mila gli euro di danno causati da scellerati ignoranti che hanno costretto il Comune a chiudere l’accesso alla terrazza panoramica. Si sono accaniti spaccando i cordoli di travertino, rompendo i vetri della balaustra, imbrattando di spray le facciate antiche. Neanche le telecamere di videosorveglianza, a servizio della zona, sono un deterrente valido: i vandali arrivano incappucciati e non sono riconoscibili. Agiscono nella notte, reiteratamente, con veri e propri raid che dimostrano la loro violenza e noncuranza.
L’intervento di restauro, purtroppo, non è al momento possibile: il Maiano, quindi, resterà così, esposto alla vergogna di tutti, cittadini e turisti, fin quando non saranno reperite le somme necessarie al suo ripristino. Uno sfregio per l’intera comunità grossetana, una ferita dolorosa alla nostra storia e identità.
Il nostro impegno comune sarà anche in azioni di formazione nelle scuole e nelle associazioni per veicolare il valore della nostra città. Ma non basterà: è necessario che tutti i cittadini siano vigili ed attenti nel proteggere il patrimonio che abbiamo eredito e che è di tutti. Anche di coloro che lo sfregiano senza ritegno”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top