Fuggono con la droga, poi l’auto si ribalta durante un inseguimento: arrestati due spacciatori

Ieri pomeriggio, a Montiano, in località Poggio La Mozza, verso mezzogiorno, i carabinieri della stazione di Montiano, dopo un inseguimento sulla strada provinciale 79, hanno arrestato due uomini di nazionalità tunisina, entrambi regolari in Italia e domiciliati nella zona di Castel Del Piano, uno di questi con alle spalle precedenti reati per furto e rissa.

La dinamica dell’arresto trae origine dall’attività di controllo del territorio condotta dalla pattuglia dei carabinieri della locale stazione, che, impegnata in una perlustrazione del territorio, ha notato un’auto con a bordo un uomo straniero. I militari dell’Arma hanno perquisito la macchina ed identificato il passeggero.

Una volta verificato il tutto, la pattuglia ha lasciato andare il veicolo ma i militari, insospettiti dalle circostanze rilevate, ovvero la presenza dell’uomo in un’area nota alle forze dell’ordine per la presenza di spacciatori e tossicodipendenti, ha deciso di seguire a distanza la macchina.

Poco dopo, improvvisamente, a bordo dell’auto, sulla quale sono tuttora in corso accertamenti, è salito un secondo uomo e all’alt dei militari, i passeggeri, accelerando bruscamente, hanno tentato di fuggire.

E’ nato un inseguimento a folle velocità tra la pattuglia dei carabinieri e i due malviventi, che, a causa della forte velocità, hanno perso il controllo dell’auto. La macchina ha terminato la corsa, ribaltandosi, all’interno di un campo agricolo privato.

I militari dell’Arma, raggiunta l’auto, hanno bloccato immediatamente i due uomini, che hanno tentato di disfarsi di alcuni sacchetti.

All’interno dei sacchetti c’erano 27 dosi di cocaina, hashish e marijuana, già confezionate e pronte per lo spaccio, per un peso complessivo di circa 50 grammi.

Dalla perquisizione personale e dell’auto, inoltre, i militari dell’Arma hanno ritrovato cellulari, un bilancino di precisione e denaro contante per circa 800 euro, verosimile provento dell’attività di spaccio.

A causa delle ferite riportate, i due uomini sono stati sottoposti alle cure dei sanitari per tutta la notte e piantonati dai militari dell’Arma in stato di arresto a disposizione della Autorità giudiziaria grossetana negli ospedali di Grosseto e Siena. Uno di loro è già stato dimesso e in mattinata è stato rinchiuso nel carcere di Grosseto. L’altro, ricoverato all’ospedale di Siena, ha riportato gravi traumi e resta in prognosi riservata, vigilato dai carabinieri della Compagnia di Orbetello e della locale Arma.

Le indagini sono tuttora in corso a 360 gradi, ma sicuramente l’arresto dei due uomini, grazie anche alla costante attività di controllo del territorio condotto dai militari dell’Arma di Montiano, che non hanno desistito davanti a una situazione che poteva sembrare a prima vista di ordinaria amministrazione, può considerarsi un duro colpo per chi aveva deciso di creare un punto di spaccio nella zona.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Top