Strangola la moglie con un cavo della stampante: arrestato per omicidio

Questa mattina, intorno alle 13, i Carabinieri del Nucleo operativo radiomobile di Orbetello e del Nucleo investigativo di Orbetello hanno eseguito un fermo di indiziato di delitto, emesso da un sostituto procuratore della Procura della Repubblica di Grosseto, nei confronti di Alberto Novembri, di 69 anni, nato ad Orbetello, accusato nei confronti di omicidio volontario aggravato commesso nei confronti della moglie, Anna Costanzo, 68 anni, strangolata ieri con un cavo di alimentazione di una stampante nella loro casa del Pozzarello, a Porto Santo Stefano.

La responsabilità dell’uomo è emersa anche in seguito ad i primi accertamenti svolti dai militari sul luogo del delitto e dal contenuto delle sommarie informazioni acquisite dagli stessi Carabinieri dai vicini di casa della coppia e da persone con cui Novembri si era confidato.

I Carabinieri hanno così appreso che l’uomo, poco prima, era salito sull’autobus diretto alla stazione. Novembri è stato individuato e bloccato dai militari dell’Arma a bordo di un treno interregionale, all’altezza della stazione di Capalbio Scalo.

Al momento, sono in corso indagini finalizzate ad accertare il movente dell’omicidio, verosimilmente riconducibile a dissapori tra i due anziani coniugi.

Sono stati effettuati rilievi scientifici sulla scena del crimine dalla Sis (Squadra investigazioni scientifiche) del Comando provinciale di Grosseto.

Novembri è stato rinchiuso nel carcere di Grosseto a disposizione dell’Autorità giudiziaria, mentre il cadavere della donna è stato portato all’ospedale di Orbetello per essere sottoposto all’autopsia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top